La Regione di Sebenico e Tenin

CENTRO DELL'ADRIATICO CROATO

Il cuore del Mediterraneo, una città fortificata affacciata sul mare, una biblioteca ricca di testimonianze storiche e culturali, imponenti scogli calcarei, un entroterra montuoso, la corona benedetta composta di oltre 300 isole e isolotti, un inestimabile patrimonio in vigneti, uniti nella canzone unica di una città urbana.

  • si_94

    si_94

  • si_93

    si_93

  • sibenik-2

    sibenik-2

  • sibenik-21

    sibenik-21

  • sibenik-6

    sibenik-6

  • sibenik-9

    sibenik-9

  • si_7

    si_7

  • sibenik-8

    sibenik-8

  • si_91

    si_91

  • sibenik-18

    sibenik-18

  • si_97

    si_97

  • sibenik-3

    sibenik-3

  • si_9

    si_9

  • sibenik-11

    sibenik-11

  • si_4

    si_4

  • sibenik-5

    sibenik-5

  • si_1

    si_1

  • si_99

    si_99

  • si_8

    si_8

  • sibenik-100

    sibenik-100

  • sibenik-12

    sibenik-12

  • sibenik-19

    sibenik-19

  • sibenik-1

    sibenik-1

  • sibenik-4

    sibenik-4

  • si_96

    si_96

  • si_3

    si_3

  • sibenik-17

    sibenik-17

  • si_5

    si_5

  • si_92

    si_92

  • sibenik-22

    sibenik-22

  • sibenik-14

    sibenik-14

  • si_6

    si_6

  • si_2

    si_2

  • sibenik-16

    sibenik-16

  • sibenik-15

    sibenik-15

  • sibenik-10

    sibenik-10

  • si_95

    si_95

  • sibenik-13

    sibenik-13

  • sibenik-20

    sibenik-20


UNESCO: LA CATTEDRALE DI S. GIACOMO

Immaginate di essere nel XV secolo e di osservare una costruzione di blocchi di pietra bianca che si staglia nel cielo e che non presenta neanche un elemento di legno o di altro materiale legante. Certamente penserete di sognare, almeno per un attimo. Attualmente, questa è la costruzione più importante della regione di Sebenico. Eretta da esattamente 105 anni, in stile gotico e rinascimentale, è abbellita da 71 teste sistemate all'esterno e da sculture e mosaici all'interno. La cattedrale di S. Giacomo dal 2000 fa parte della lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO.

  • krka-9

    krka-9

  • krka-11

    krka-11

  • krka-5

    krka-5

  • krka-12

    krka-12

  • krka-6

    krka-6

  • krka-1

    krka-1

  • krka-13

    krka-13

  • krka-7

    krka-7

  • krka-14

    krka-14

  • krka-17

    krka-17

  • krka-2

    krka-2

  • krka-15

    krka-15

  • krka-4

    krka-4

  • krka-16

    krka-16

  • krka-3

    krka-3


DUE PARCHI NAZIONALI

Gli dei sono stati generosi quando hanno disegnato questo paesaggio: dal Parco nazionale del fiume Krka, con il suo ambiente carsico, le cascate e l'isolotto di Visovac, che ospita un monastero francescano, ai canyon dello stesso fiume, dove si trova il più antico monastero ortodosso; dai pittoreschi vigneti di Primošten (Capocesto) al Parco nazionale delle Isole Kornati (Incoronate), che sembrano lacrime bianche nel mare azzurro.

  • kornati-7

    kornati-7

  • kornati-3

    kornati-3

  • kornati-10

    kornati-10

  • kornati-5

    kornati-5

  • kornati-19

    kornati-19

  • kornati-18

    kornati-18

  • kornati-4

    kornati-4

  • kornati-6

    kornati-6

  • kornati-14

    kornati-14

  • kornati-8

    kornati-8

  • kornati-13

    kornati-13

  • kornati-15

    kornati-15

  • kornati-2

    kornati-2

  • kornati-20

    kornati-20

  • kornati-17

    kornati-17

  • kornati-12

    kornati-12

  • kornati-11

    kornati-11

  • kornati-9

    kornati-9

  • kornati-21

    kornati-21

  • kornati-1

    kornati-1

SEBENICO – LA PIÙ ANTICA CITTÀ SULLA COSTA CROATA

La città fortificata di Sebenico fu costruita dai Croati attorno al IX secolo. Crebbe in contemporanea con lo sviluppo dello stato croato medievale, ed è menzionata per la prima volta nell'atto di donazione di Re Petar Krešimir IV. Non molto dopo, numerosi Stati si scontrarono per entrare in possesso della città, dagli Austroungarici agli Ottomani e ai Veneziani. La città prosperò, si estese e si sviluppò dal punto di vista culturale, artistico, marittimo, commerciale ed economico. Sotto il dominio di Venezia, durato per 400 lunghi anni, a Sebenico furono costruiti i più importanti monumenti storici e culturali, nonché le principali attrazioni della città odierna. Una di queste, simbolo della città, è la Cattedrale di S. Giacomo.

IL LEONARDO DA VINCI CROATO: FAUST VRANČIĆ

Durante il dominio veneziano, la città di Sebenico diventò un importante centro umanistico e rinascimentale, nel quale operarono numerosi scrittori, costruttori, storici e pittori. Tra di essi spicca Faust Vrančić, autentico uomo rinascimentale, che lavorò in vari campi, dalla scienza alla teologia. Pubblicò un libro sulle sue invenzioni, il "Macchinae novae", e scrisse il "Dizionario delle cinque lingue più nobili d'Europa" che fu anche il primo dizionario mai pubblicato della lingua ungherese e croata.
In città si avvicendarono numerose autorità, imperatori, re ed eserciti, finché arrivò il Partito Popolare Croato, che iniziò a occuparsi dell'amministrazione comunale. La città, nel frattempo, si sviluppava: tra le varie costruzioni, furono realizzati l'acquedotto e la prima centrale idroelettrica in Europa. Gli abitanti si occupavano di navigazione, costruzioni navali, pesca, viticoltura, olivicoltura e agricoltura in generale, mentre sulle isole nasceva il commercio di spugne e coralli.

LOCALITÀ SULLA COSTA DELLA REGIONE DI SEBENICO

Nel corso dei secoli, l'olivicoltura e la viticoltura hanno svolto un ruolo fondamentale nello sviluppo dell'intera zona di Sebenico e in quella dei paesi limitrofi, come Vodice (Vodizze) e l'isola di Murter (Mortèr). Primošten (Capocesto) ospita fin dai tempi antichi i vigneti più pittoreschi e più ricchi dell'area, creati grazie alla laboriosità della sua gente, che da sempre combatte contro una terra avara. Nel 2009 i vigneti sono stati candidati nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO, e una loro fotografia è stata esposta nel Palazzo delle Nazioni Unite di New York, come simbolo del duro lavoro svolto per secoli dall'uomo e della sua battaglia contro la roccia dalmata. Località come Jurlinovi dvori e Pakova sela esaltano l'autenticità di questi luoghi e l'incredibile stile di vita dei loro abitanti.

Il villaggio di Betina, sull'isola di Mortèr, è noto per la costruzione delle imbarcazioni in legno; il paese di Murter per la tradizione della pesca; l'isolotto Krapanj, il più basso in Croazia e il meno popolato dell'Adriatico, per la raccolta delle spugne; l'isola di Zlarin, accanto a Krapanj, per l'esplorazione delle barriere coralline. Allo stesso modo, Prvić è conosciuta, grazie a Faust Vrančić, inventore del paracadute, come l'isola delle innovazioni. Vrančić trascorse la sua infanzia su quest'isola e lì, secondo le sue volontà, fu sepolto. Attualmente è in corso la realizzazione del Parco della Memoria in onore di questo illustre personaggio e grand'uomo. A pochi metri dalla sua tomba è stata allestita una mostra di modellini fatti a mano di sue invenzioni, come descritte nel libro "Macchinae novae".

L'ENTROTERRA DI SEBENICO

Nella Zàgora Dalmata (entroterra della Dalmazia), la gente si è sempre occupata di agricoltura, allevamento del bestiame e artigianato. La città di Tenin (Knin), situata nella Zàgora, è stata la più potente città fortificata dell'intera Dalmazia e, grazie alla sua posizione strategica rispetto alla Liburnia e alla Dalmazia, una delle sedi dei re croati.

L'ARCIPELAGO DI SEBENICO

Gli isolotti di Zlarin, Prvić, Krapanj, Murter, Žirje e Kaprije sono i più vicini alla costa di Sebenico, e vantano una storia ricca, una grande cultura, vasti campi e vigneti, e numerose imbarcazioni da pesca. La tradizione della navigazione e della pesca, mantenutasi fino ad oggi, è stata per lungo tempo, con l'agricoltura, l'unica risorsa per la gente del posto. La magnifica costa, con le sue spiagge profumate, il cigolio del legno riscaldato dal sole e i numerosi frutti della terra, rendono uniche queste spettacolari e romantiche isole.

LA CUCINA DI SEBENICO

La cucina di Sebenico è tipicamente dalmata, con la presenza costante, in qualsiasi pasto, di erbe aromatiche e olio d'oliva. Il vero prodotto autoctono, ossia il formaggio dall'otre, è preparato secondo un metodo antico di fermentazione del latte. Questo formaggio non riceve una forma prima della maturazione, bensì è lasciato modellare naturalmente all'interno di una pelle di agnello, che potrete osservare nei vari mercati. Presenta un gusto e un profumo raffinati e indimenticabili. Si consiglia di consumarlo con del pane cotto sotto la campana e con un vino rosso aromatico.

La regione di Sebenico è nota per un vino rosso, il Babić, prodotto nei vigneti di Primošten, famosi ovunque e considerati tra i migliori per qualità in tutta Repubblica di Croazia.

Un altro souvenir gastronomico della zona di Sebenico è certamente il prosciutto crudo di Dernis, più volte premiato per sua la qualità e per la tecnica di preparazione, che lo rendono apprezzato in tutto il mondo.

La carne di agnello giovane, cotta sotto la campana o ai ferri, e accompagnata da bietola e patate lesse, è considerata la vera specialità dell'intero litorale e delle isole croate. Tra i piatti di mare, un posto importante è ricoperto dal tonno, con la sua carne morbida e fresca; è preparato ai ferri o come carpaccio e si accompagna egregiamente al pane tostato e al vino bianco fatto in casa. Tra le altre specialità di mare, la cucina di Sebenico annovera le "conchiglie", in particolare cozze, scampi, calamari e polpi, preparati alla busara, in brodetto, ai ferri o sotto la campana. L'insalata di polpo e il polpo cotto sotto la campana, con contorno di patate, sono piatti dal gusto, dal profumo e dall'aspetto che rasentano la perfezione. Ai saporiti frutti di mare si accompagnano meravigliosamente il vino bianco casereccio, il pane e l'insalata dell'orto. Numerose altre specialità vi aspettano nei paesi dell'area di Sebenico: tocca a voi scoprirli, abbandonando i vostri sensi al fascino del Mediterraneo.

AUTUNNO A SEBENICO

L'autunno a Sebenico e nei suoi dintorni vi circonda pian piano con colori caldi e con un'armonia di suoni e odori. Incamminatevi verso la montagna Dinara, con la cima più alta della Croazia, a 1.831 metri. Godetevi le passeggiate nella natura, visitate l'antica città di Tenin e le sue rovine preistoriche, gli edifici e le fortificazioni, nonché il fenomeno naturale del torrente carsico Krčić, che si getta nel fiume Krka. Cimentatevi con l'arrampicata, con un safari in jeep a Vrana, Krka e sulla Dinara, scegliete un tracciato alpinistico ed escursionistico e ammirate le fortificazioni, i parchi di Jamnjak e Kamenar, e il centro dei falchi a Dubrava. Lasciatevi condurre al parco tematico "Etnoland Dalmati" di Pakovo selo, nell'entroterra di Sebenico, unico museo in Croazia sulla tradizione dalmata, dove scoprirete lo stile di vita passato di questa regione. Infine, visitate la sua bottega degli antichi mestieri e imparate come vivevano i nostri antenati.

INVERNO A SEBENICO

L'inverno a Sebenico e nei suoi dintorni è secco e ventoso. Nei giorni soleggiati, vestitevi con indumenti pesanti e partite per l'isola di Žirje, dove potrete approfittare di una pista ciclabile, oppure scoprite la natura intatta della zona di Zaton, lungo i sentieri che la circondano. Potete fare una gita al fiume Krka e al Lago di Prokljan, con le loro bellezze naturali, e magari assaggiare qualcosa a Zaton, nota per le sue specialità di pesce d'acqua dolce, tra cui l'anguilla e una specie di sardina di fiume. Se scendete fino al mare, ossia fino a Sebenico, potrete assistere alla tradizionale regata di yacht che vi si svolge, visitare la fiera nautica, passeggiare sul lungomare oppure salire alle sue tre fortificazioni monumentali: S. Michele, S. Giovanni e Šubićevac.

PRIMAVERA A SEBENICO

La primavera a Sebenico e nei suoi dintorni vi svelerà i molteplici colori della natura appena rinata. È il momento giusto per visitare la Zàgora Dalmata e scoprire le vecchie fortezze attorno al fiume Krka, le case di pietra e le località di interesse storico come Bribirska Glavica, vicino a Skradin, dove si sono parzialmente conservate le mura dal periodo Illirico e le rovine della città romana e dell'antico regno croato. Qui si trovano anche il sito archeologico Burnum, con i resti di un accampamento romano, non lontano dal canyon del fiume Krka, la località di Danilo, con le rovine di un villaggio preistorico e, infine, la particolarità più nota dell'entroterra di Sebenico, la Chiesa di S. Salvatore del IX secolo, conosciuta come il più antico edificio religioso croato dotato di campanile.

Se cercate un po' di adrenalina, potrete iscrivervi alla scuola di immersioni, alpinismo, paint-ball ed equitazione; in alternativa, potrete visitare gli isolotti di Zlarin e Prvić, di interesse storico, e il fiume Krka, con oltre 222 specie di uccelli e con sette cascate turchesi, incoronate da una schiuma bianca.

Chi ama la tranquillità, invece, potrà recarsi su uno degli isolotti, passeggiando e godendosi la vista sull'ambiente intatto da un belvedere o da una fortificazione. Imperdibile la colazione di Pasqua nel centro della città, organizzato da e per gli abitanti, che segna l'inizio di una nuova estate e di una nuova stagione turistica.

ESTATE A SEBENICO

L'estate a Sebenico, nei suoi dintorni e sulle isole vi racconterà una romantica storia di sole caldo, mare blu e pietra bianca. È il momento perfetto per visitare le isole dell'arcipelago, conoscere le usanze popolari e immergersi nelle profondità del mare alla ricerca di coralli o spugne. È anche il momento di assaggiare il brodetto o i calamari alla griglia, inebriati dal sole e da un bicchiere di vino fatto in casa. Godetevi i profumi della lavanda, del mandorlo, dell'alloro e del rosmarino, e la dolce bonaccia sul far della sera, circondati dal frinire dei grilli e dallo splendore delle lucciole.

Recatevi al Parco Nazionale delle Incoronate, immersi nel silenzio e nella tranquillità delle isole, lasciatevi condurre in barca a vela fino a qualche insenatura o spiaggia nascosta. Immergetevi nei fondali delle Incoronate, un vero e proprio tesoro carsico, con numerose grotte, caverne, scogli e doline. Le Incoronate ospitano oltre 600 specie vegetali e innumerevoli specie ittiche. Verso sera, dopo aver ammirato una natura intatta e selvaggia, rilassatevi in una trattoria, gustando un'aragosta appena pescata e preparata alla busara, con l'accompagnamento di una chitarra e dei profumi del Mediterraneo.

MANIFESTAZIONI PIÙ IMPORTANTI DELLA REGIONE DI SEBENICO

Di giorno e di sera potrete partecipare a vari eventi: il Festival Internazionale dei Ragazzi, la Fiera Internazionale della Sebenico medioevale, dove è possibile ammirare costumi nazionali originali e oggetti tradizionali. Potrete assistere alle serate delle klape e della canzone dalmata (Dalmatinska šansona), visitare il mercato dell'antiquariato, partecipare a manifestazioni di carattere sportivo e al divertente "Bodulska pripetavanja", con attività, spettacoli e giochi durante l'intera giornata, distribuiti sui vari isolotti di fronte alla città.og akvatorija.