Il paesaggio del fiume Krka dal ponte di Skradin alla foce

  • krka-2

    krka-2

  • krka-13

    krka-13

  • krka-10

    krka-10

  • krka-12

    krka-12

  • krka-1

    krka-1

  • krka-6

    krka-6

  • krka-7

    krka-7

  • krka-14

    krka-14

  • krka-8

    krka-8

  • krka-11

    krka-11

  • krka-9

    krka-9

  • krka-15

    krka-15

  • krka-4

    krka-4

  • krka-3

    krka-3

  • krka-5

    krka-5

Il maestoso ambiente del fiume Cherca, dal ponte di Scardona alla foce del fiume stesso, è stato dichiarato area protetta nel settembre 1968. Le zone di particolare valore culturale e naturale sono la città di Scardona, il lago di Prokljan, che è anche il secondo lago più grande della Croazia (11,5 km2), e il canale di S. Giuseppe, che sbocca nel golfo di Sebenico.

Sul lago di Prokljan si trova l'isolotto di Stipanac che, in epoca romana, era collegato alla terraferma per mezzo di un argine. Nel fiume Prokljan si getta il torrente Guduča, molto importante dal punto di vista ornitologico. Oggi, questa località, stando alla sua morfologia e alla sua genesi, è definita una tipica valle fluviale.

La maggior parte del canyon del fiume Cherca si è formata nell'Era terziaria. Dopo l'ultima glaciazione, alla fine del Pleistocene, 10.000 anni fa, il livello mare si è alzato di circa 100 m, che è quello attuale. L'intera zona che da Scardona raggiunge la fortezza di S. Nicola è considerata la bocca del fiume Cherca, o la cosiddetta valle fluviale.

IndicazioniIndirizzo