Rakitnica

  • rakitnica

    rakitnica

  • rimska-opekarska-pec

    rimska-opekarska-pec

  • sv-ivan

    sv-ivan

Castello di Rakitnica

Gli attuali abitanti di Vodizze sono originari degli insediamenti rurali di Vodizze: Rakitnica, Vodokrti, Pišće, Kamena, Okit, Mrdakovica...

Nell'area di Rakitnica, ricca di risorse idriche, sono ancora conservati tre pozzi e un'ampia pozza dove si abbeverava il bestiame. Nel 1455 qui fu eretta anche una chiesa dedicata a San Giovanni Battista. Ai tempi della minaccia dell'invasione ottomana, fu costruita una fortezza sopra il castello, da dove la popolazione riuscì a difendersi con successo fino al 1571. Poi, però, Rakitnica fu occupata dai Turchi.

L'importanza strategica di Rakitnica, dalla cui ubicazione era possibile osservare tutta la zona, inclusi costa ed entroterra, è testimoniata anche dal fatto che gli Ottomani giunsero qui con un forte esercito, sistemarono un cannone e sorvegliarono l'area occupata dai veneziani. Solo con la caduta definitiva dell'impero Ottomano, nel XVII secolo, gli invasori lasciarono Rakitnica.

FORNACE ROMANA

Nei pressi della località di Tre pozzi, a Rakitnica, sono stati di recente ritrovati i resti di una fornace romana, utilizzata per produrre tegole, mattoni e, probabilmente, contenitori in argilla.

Questo tipo di forno, unico in questa parte della Dalmazia, è uno dei quattro esemplari finora rinvenuti in Croazia.

Futuri scavi archeologici potrebbero portare al rinvenimento di una villa rustica nelle vicinanze.